Notizie per passione

Giornalisti o edicolanti?

Vasco Rossi tour 2008

Vasco Rossi potrebbe tornare, nel 2008, con un tour ancora più intenso di quello del 2007. La notizia non è ancora ufficiale, ma le voci girano molto velocemente sul web. Ancora nulla è trapelato dalle fonti ufficiali, ma l’idea che il Blasco potesse riprendere la serie di concerti interrotti a Settembre era nell’aria già nel corso del tour 2007.
Ancora nulla di ufficiale, ma sembra che le trattative siano aperte su più fronti.
Girando sulla rete ecco le probabili date del tour 2008 del Blasco. Ma ripetiamo, ancora nulla di ufficiale.

Fine Maggio Data Zero Latina (data da definire)
30 maggio – Roma – Stadio Olimpico
31 maggio – Roma – Stadio Olimpico
7 giugno – Milano – Stadio San Siro
8 giugno – Milano – Stadio San Siro
14 giugno – Ancona – Stadio del Conero
20 giugno – Mestre – Heineken Jammin’ festival
28 giugno – Salerno – Stadio Arechi
5 luglio – Messina – Stadio San Filippo

12 luglio Stadio San Vito Cosenza (in trattativa)
20 luglio Stadio Granillo Reggio Calabria (in trattativa)

Altre trattative aperte e segnalate: Torino, Perugia, Terni

Annunci

20 gennaio 2008 Posted by | Eventi, Informazione, Italia, Musica, News, Sicilia, Spettacoli, Vasco Rossi | 80 commenti

Nuovo cd e nuovo tour per i Pooh

Sarà nei negozi dal primo febbraio il nuovo album dei Pooh, intitolato “Beat ReGeneration”: il disco è preceduto dall’uscita del singolo “La casa del sole”, attualmente in programmazione nelle radio italiane. Con questo nuovo lavoro la storica formazione, che ha da poco festeggiato quarant’anni di musica, vuole rendere omaggio ai complessi dell’epoca beat; quindi l’album contiene cover come “La casa del sole”, storico brano dei Bisonti, riarrangiato e interpretato in chiave moderna dai Pooh.
La pubblicazione sarà seguita da una serie di concerti che proporranno il repertorio affrontato nell’album: il “Beat ReGeneration-tour 2008” avrà inizio il 29 marzo al Palasport di Mantova e toccherà molte città italiane prima di concludersi, l’8 maggio, a Torino.

LE DATE DEL TOUR:

29 marzo Mantova – Palabam
31 marzo Trento – Palatrento
2 aprile Trieste – Palatrieste
3 aprile Treviso – Palaverde
5 aprile Cuneo – Palazzetto dello Sport
8 aprile Genova – Vaillant Palace
9 aprile Bologna – Paladozza
11 aprile Milano – Datchforum
12 aprile Ancona – Palarossini
15 aprile Roma – Palalottomatica
18 aprile Napoli – Palapartenope
22 aprile Palermo – Palasport
23 aprile Acireale (CT) – Palasport
26 aprile Rimini – Stadium 105
8 maggio Perugia – Palaevangelisti
10 maggio Torino – Palaolimpico (ex Isozaki)

5 gennaio 2008 Posted by | Concerti, Italia, Musica, News, Radio, Spettacoli | 3 commenti

Harry Potter avrà tre figli

Fino allo scoccare della mezzanotte, tra il 4 ed il 5 gennaio, trenta agenti di sorveglianza privata suddivisi in tre turni faranno la guardia alla stampa di “Harry Potter e i doni della morte” – forse – l’ultimo libro della serie best seller scritta da J. K. Rowling ed edita in Italia da Salani. Questo per evitare la fuga di parte del tomo tradotto dal centro stampa Grafica Veneta a Trebaseleghe (Padova), scelto dalla casa editrice. Ma, essendo già stata pubblicata in Gran Bretagna a luglio, la trama del libro è ormai nota a tutti. Dopo 36 capitoli ricchi di colpi di scena, di morti ammazzati e una lunga, soffertissima battaglia contro Lord Voldemort, l’epilogo finale fa un balzo in avanti di 19 anni. Siamo sul mitico binario 9 e tre quarti da dove parte l’Hogwart Express con destinazione la celebre scuola di magia. Harry Potter è lì, sta benissimo, e non è solo: con lui c’è la famiglia al completo. Harry ha infatti sposato Ginny, la sorella del suo migliore amico Ron, e ha avuto da lei tre figli di nome James, Lily e Albus. I figli di Harry salgono sul treno dove prendono posto anche Hugo e Rose, figli di Ron e di Hermione, sposati felicemente anche loro. Si incontrano tutti il primo settembre per accompagnare i loro figli al treno per Hogwarts. Neville Paciock è diventato professore di Erbologia a Hogwarts. Harry ricorda come la sua cicatrice non gli abbia più fatto male dalla sconfitta del Signore Oscuro, e così la storia si conclude.
La casa editrice Salani ha intanto diffuso l’immagine della copertina dell’edizione italiana di «Harry Potter e i doni della morte»: è stata realizzata, come le precedenti, dalla disegnatrice pesarese Serena Riglietti. Doveva essere top secret fino all’ultimo, ma su numerosi siti da giorni è apparsa l’immagine di due figure avvolte in mantelli.
L’anno scorso, la Rowling aveva gelato i fan di Harry Potter affermando che non avrebbe mai dato un seguito al settimo capitolo della saga del maghetto. Ma ora sembra che la plurimilionaria scrittrice sia disposta a vagliare la possibilità di un ottavo libro delle avventure di Harry, Ron ed Hermione.
L’attesa ora è tutta per il 21 novembre 2008, giorno dell’uscita del film (il sesto) “Harry Potter e il principe mezzosangue” di David Yates.

29 dicembre 2007 Posted by | Informazione, Italia, News | Lascia un commento

Prodi: Berlusconi fa un danno all’Italia

Il presidente del Consiglio Prodi ha colto l’occasione degli auguri di Natale per lanciare un altro messaggio di fiducia nelle potenzialità del Paese, ma anche un monito all’opposizione e in particolare al suo leader Silvio Berlusconi. “Siamo stanchi di questi continui gridi che fanno male alla democrazia italiana. Questo voler dare il senso assoluto dell’insicurezza è un danno per tutti, non solo per me”.
Il presidente del Consiglio, Romano Prodi, si sfoga così e bacchetta l’opposizione attaccando direttamente il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, sempre più convinto che il 2008 porterà la crisi. Prodi invita il leader del centrodestra a smetterla di parlare di spallata, anche perche’, sottolinea il premier, e proprio Berlusconi il primo a rimetterci. Una situazione che, secondo Prodi, mette non tanto il governo, quanto l’Italia e la democrazia in uno stato d’inquietudine sbagliato e dannoso.
Secondo il premier il Paese, invece, va nella direzione giusta: “Sarà un Natale buono, un Natale sereno nel paese, molto sereno, anche se è chiaro che c’è tutto il mondo in sconvolgimento, sia economico che politico: è chiaro che queste inquietudini si sentono, ma è un’inquietudine che ha come obiettivo la crescita, verso obiettivi buoni, non verso obiettivi cattivi. Certamente – ha aggiunto Prodi – la gente che pensa che si possa vivere sempre tranquilli e andare avanti senza problemi rimane inquieta, molto inquieta nel momento in cui tutto cambia: ma il cambiamento ormai ce lo dobbiamo avere dentro di noi”.

26 dicembre 2007 Posted by | Informazione, Italia, News | Lascia un commento

Harry Potter, svelata la copertina italiana

Cresce l’attesa dei fan per l’uscita dell’edizione italiana dell’ultimo capitolo della saga di Harry Potter. E sui siti dedicati agli appassionati del maghetto da un po’ di tempo circolano le prime anticipazioni della copertina italiana di “Harry Potter e i doni della morte”, il settimo e ultimo libro della saga. Per lenire un po’ le fatiche del conto alla rovescia, e per evitare il susseguirsi di indiscrezioni su internet, la casa editrice Salani ha diffuso sul suo sito web un’immagine della copertina di Harry Potter e i doni della morte, disegnata come le precedenti dalla pesarese Serena Riglietti, e destinata, in teoria, a rimanere segreta fino all’uscita del libro prevista, in Italia, nella notte tra il 4 e il 5 gennaio 2008.
I colori dominanti sono il bianco e il grigio, con la scritta ”Harry Potter” in rosso e ”e i doni della morte” in grigio scuro. Il sito della Salani mostra la parte anteriore con due figure avvolte in mantelli, che si dirigono verso un cancello in mezzo alla neve, l’immagine di un giglio in primo piano e grandi lettere in stampatello sullo sfondo. Nella parte posteriore, visibile nell’immagine intera di copertina apparsa sui siti non ufficiali, ci sono invece una cerva bianca, un brano in cui viene citato il Boccino d’oro e, sullo sfondo, i volti molto sfumati di Harry bambino e dei suoi genitori James e Lily, morti per salvarlo: è il loro sacrificio a dare il via alla saga. Le lettere formano invece una frase, non completamente leggibile: ”L’ultimo nemico che sarà sconfitto è la morte”.
È soddisfatta Serena Riglietti, che ritiene di essere riuscita a riassumere con un’immagine i temi portanti dell’intera serie: l’amore dei genitori, la missione di Harry e la morte, prendendo spunto da uno degli episodi più forti e commoventi di Harry Potter e i doni della morte. «Pensavo a questa copertina da due anni – ha spiegato la disegnatrice – e l’ho realizzata proprio come ce l’avevo in mente. Ed è stata una sopresa scoprire che era in linea con alcuni elementi della trama».

24 dicembre 2007 Posted by | Informazione, Internet, Italia, News | Lascia un commento

Laure Manaudou nuda: la più cliccata del web

La regina del nuoto mondiale oltre al ad avere al suo attivo record mondiali conquistati in vasca a suon di bracciate, adesso ha conquistato anche un altro primato, forse meno invidiabile, di essere, da alcuni giorni, la più cliccata sul web. Da quando sono state diffuse su internet le foto hard che poi sono state pubblicate da milioni di siti in tutto il mondo, la nuotratrice è divenuta la più cercata su tutti i portali. Le foto di Laure Manaudou hanno preso il predominio sulla rete e fatto impennare le visite dei siti che hanno anche semplicemente pubblicato un post con le paroline magiche. Effettivamente queste dovrebbe far pensare: effetto curiosità o in rete ci sono una enorme mole di pervertiti? Noi non abbiamo voluto riprendere le foto della Manaudou nuda, ma non siamo rimasti impassibili davanti al fenomeno della ricerca di massa di queste pictures hard. Il fenomeno, infatti,s econdo diversi sociologi, è senza precedenti e dimostra che il gossip è ormai uno dei principali “moventi” degli internauti, ma non solo. Basti pensare che anche i telegiornali, ormai, sono pieni di news sulla vita provata di stelle e stelline più o meno famose. Cosa sta succedendo? Siamo un popolo allo sbando? Dove è finito l’interesse per la cultura, i valori, la famiglia e la società? E’ Natale, forse è meglio non pensarci.

24 dicembre 2007 Posted by | Curiosità, Internet, Italia | 1 commento

Intercettazioni: Grillo contro Bertinotti

Scandalizzato dalla telefonata tra Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia e Agostino Saccà, direttore di Rai Fiction, nonché dalla difesa delle prerogative e del diritto alla privacy del Cavaliere fatta dal presidente della Camera, Fausto Bertinotti, Beppe Grillo scende in campo deciso a dire la sua in merito alle intercettazioni. E lo fa attaccando a testa bassa Bertinotti che si è «preoccupato—scrive il comico nel suo blog — per la privacy di un signore che voleva comprare un senatore. Invece di espellere questo (basso) insulto alla democrazia dalla Camera ne tutela la privacy. Boia Faust(o)».
Grillo non approva questa «Rai, servizio pubblico, che si fa bordello per far cadere il governo» e per questo il messaggio a Bertinotti è che «non me ne frega un c…o della privacy di queste persone: le voglio fuori dal Parlamento, fuori dal servizio pubblico. È gente immorale, che della legalità ha sempre fatto carne da porco. E lei, tenera mammola, pensa alla loro privacy mentre viene chiesto il trasferimento dei giudici di Mastella e di D’Alema da una Letizia Vacca qualsiasi».
La difesa di Bertinotti è affidata a Gennaro Migliore, capogruppo del Prc. «Difendere il garantismo è un dovere morale e per la sinistra rappresenta un valore di fondo», mentre «Grillo nel suo volgare attacco a Bertinotti conferma di saper intervenire sulla scena politica solo dal buco della serratura».

23 dicembre 2007 Posted by | Italia, News | Lascia un commento

Esame per giornalisti: arriva il pc

Se non rimarrà solo sulla carta, è in arrivo una vera e propria rivoluzione per l’esame di Stato per giornalisti professioniti. La Commissione cultura alla Camera ha infatti approvato, con voti favorevoli da entrambi gli schieramenti, una legge che permette l’uso di computer durante l’esame di stato di accesso alla professione. Si tratta di una vera conquista per gli aspiranti giornalisti, se sarà concretizzata. Fino ad oggi, infatti, la macchina per scrivere è stata la croce degli esaminanti: recuperare oggetti che sono ormai pezzi d’antiquariato, abituarsi a una scrittura e un approccio lontani dall’immediatezza del Pc, sentire il rumore dei tasti di centinaia di macchine durante la prova di esami. La proposta di legge aggiunge alla legge ordinamentale della professione giornalistica (legge n. 69 del 1963) un comma in cui si afferma che “per lo svolgimento della prova scritta è consentito l’uso di elaboratori elettronici cui sia inibito l’accesso alla memoria secondo le modalità tecniche indicate dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, sentito il ministero della Giustizia”. Dopo l’approvazione della commissione Cultura della Camera, la proposta attende ora il via libera dal Senato.

20 dicembre 2007 Posted by | Italia, News | Lascia un commento

Savoia chiedono risarcimento da 260 milioni all’Italia

I Savoia chiedono i danni allo Stato italiano. La richiesta complessiva è di 260 milioni: 170 da parte di Vittorio Emanuele, 90 dal figlio Emanuele Filiberto. Inoltre, secondo la redazione del programma “Ballarò” che ha diffuso la notizia, la famiglia chiede la restituzione dei beni confiscati dallo Stato al momento della nascita della Repubblica.
La richiesta sarebbe arrivata attraverso una lettera inviata al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al Presidente del Consiglio Romano Prodi dai legali italiani dei Savoia. Tra i motivi della richiesta di risarcimento ci sarebbero i danni morali dovuti alla violazione dei diritti fondamentali dell’uomo stabiliti dalla Convenzione Europea per i 54 anni di esilio dei Savoia sanciti dalla Costituzione Italiana. Secca e immediata la replica del Governo attraverso il segretario generale della presidenza del Consiglio, Carlo Malinconico, che spiega che il Governo non solo non ritiene di dover pagare nulla ai Savoia ma che pensa di chiedere a sua volta i danni all’ex famiglia reale per le responsabilità legate alle note vicende storiche.

21 novembre 2007 Posted by | Italia, News | 2 commenti

L’Italia sola in Europa nella lotta contro il diabete

Tra i tanti cattivi aspetti rimproverati dalle istituzioni comunitarie sul sistema sanitario italiano, pare che su una cosa il nostro sistema funzioni davvero bene: la cura e l’assistenza delle persone malate di diabete. L’Italia è tra i primi paesi in Europa nello studio, l’analisi e la ricerca delle cure per questa malattia, ma dato ancora più significativo, siamo il popolo più sensibile a questo problema.
La casa farmaceutica svedese Novo Nordisk, una delle aziende farmaceutiche leader nella cura del diabete, ha presentato ieri il “Barometro per cambiare il diabete”, una raccolta annuale di dati relativi alle dimensioni della pandemia del diabete – rilevati su scala mondiale – che indica le possibili soluzioni che ne possono arginare gli effetti.
Il Barometro ha l’obiettivo di fornire agli operatori sanitari, alle associazioni di pazienti, ai politici, alle istituzioni e ai media, informazioni preziose su come migliorare la qualita’ delle cure contro il diabete, diminuire le complicanze ad esso legate, prolungare l’aspettativa di vita media delle persone che ne soffrono e ridurre i costi sia in termini sanitari sia umani. “Da troppo tempo combattiamo al buio contro il diabete – ha detto Lise Kingo, vice-presidente esecutivo di Novo Nordisk -è arrivato il momento di accendere un faro su questo problema. È necessario agire globalmente e su tutti i fronti per ottenere un cambiamento concreto”.
L’iniziativa, lanciata dall’Associazione medici diabetologi italiani nel 2004, ha avuto successo ed è stata presa ad esempio in tutta Europa. “Il nostro lavoro è stato molto apprezzato dai colleghi e stimato in tutta l’Ue – ha affermato Giacomo Vespasiani, presidente del centro studi e ricerche dell’Associazione di San Benedetto del Tronto. Il dato più significativo è che le persone addette alla raccolta dati in Italia sono tutti volontari, caso isolato in tutta l’Europa”.
Dalla relazione ‘Changing Diabetes Barometer’ risulta che, nonostante le stime indichino un aumento vertiginoso del numero di persone affette da diabete (nel 2025 saranno 380 milioni in tutto il mondo), solo pochi paesi sono pronti ad affrontare quest’emergenza ed i relativi effetti sulla popolazione. Dei 21 paesi esaminati, infatti, solo sette dispongono di dati effettivi sugli indicatori terapeutici, quali pressione sanguigna, livelli di glucosio e lipidi. Solo tre paesi (tra cui l’Italia) su 21 dispongono di sistemi adeguati per registrare informazioni e fornire ai medici dei dati attendibili sui quali intervenire. Dieci di essi non hanno ancora una strategia nazionale contro il diabete per il 2007.

Fonte: www.lastampa.it

11 novembre 2007 Posted by | Italia, News | Lascia un commento