Notizie per passione

Giornalisti o edicolanti?

Gemelli DiVersi in tour

Si concentra solo in poche date il tour invernale dei Gemelli Diversi.
THG, Grido, Thema e Strano saranno protagonisti di cinque concerti tra novembre e dicembre.

Ecco le date in programma:
SABATO 10 NOVEMBRE – Club Matrioska – San Niccolò di Celle Depura (PE)
VENERDI’ 16 NOVEMBRE – Arena – Mendrisio (Svizzera)
SABATO 24 NOVEMBRE – Club Il Cubo – Borgo San Dalmazzo (CN)
LUNEDI’ 03 DICEMBRE – Alcatraz – Milano
SABATO 15 DICEMBRE – PalaLottomatica – Roma

Annunci

7 novembre 2007 Posted by | Concerti, Musica, News, Spettacoli | 3 commenti

Anche i Supereroi dei fumetti seguono le leggi della fisica

Deve essere divertente seguire le lezioni di fisica del professor James Kakalios all’Università del Minnesota. Invece di un testo irto di formule, Kakalios usa le storie di Superman, Batman, Flash, l’Uomo Ragno e altri improbabili eroi dei fumetti. Sono possibili le loro prestazioni di agilità, forza e velocità? In generale la risposta è no. Perché le cose funzionino bisogna che il lettore chiuda un occhio. Ma in molti casi le leggi della fisica non vengono contraddette. Gli autori di cartoons si accontentano di portarle alle estreme conseguenze. Kakalios ora ha deciso di allargare il numero degli allievi e ha trascritto le sue lezioni in un libro: «La fisica dei supereroi» (Einaudi, 390 pagine, 15,50 euro). Proviamo a estrarne qualche caso interessante.

I salti di Superman
Concepito da Jerry Siegel e Joseph Shuster, questo supereroe è in grado di saltare su grattacieli alti 200 metri. Non è difficile, applicando le leggi sul moto di Newton, calcolare la velocità con cui Superman deve partire dal suolo, e si può anche tener conto della resistenza dell’aria, che ad alta velocità diventa importante (quando viaggiate in auto a 120 km orari metà dell’energia del carburante serve a vincere l’attrito aerodinamico). Bene: dato che l’altezza che Superman (o chiunque altro) riesce a saltare dipende dal quadrato della sua velocità iniziale, e l’accelerazione di gravità è di 9,8 metri al secondo per secondo, il nostro eroe deve staccarsi da terra alla velocità di 62 metri al secondo, pari a 225 km orari. E’ tanto, ma non assurdo.
Il bello è che funziona anche la giustificazione che gli autori danno di tanta potenza e agilità: Superman arriva dal pianeta Krypton, dove la gravità è maggiore che sulla Terra. Il nostro eroe salta così in alto per lo stesso motivo per cui noi sulla Luna potremmo balzare a 6 metri con lo stesso sforzo che qui è necessario per saltare un metro. Perché Superman trovi facile saltare su un grattacielo di 200 metri basta che la gravità su Krypton sia 15 volte maggiore di quella terrestre.

La tela dell’Uomo Ragno
Disegnato da Steve Ditko su testi di Lee, l’Uomo Ragno combatte i criminali avvalendosi della sua formidabile forza e della sua tela. In una storia famosa, la ragazza Gwen Stacy viene gettata giù da un ponte, ma l’Uomo Ragno riesce ad afferrarla all’ultimo istante con la sua tela. Ciò nonostante la ragazza muore. Ha senso questa vicenda?
Da un punto di vista fisico non fa una grinza. La tela dei ragni ha una resistenza 5 volte maggiore dell’acciaio. L’elasticità è superiore a quella del nylon: le prestazioni in un giubbotto antiproiettile in tela di ragno sarebbero 5 volte migliori di quelle del kevlar. Una corda di seta di ragno con il diametro di una matita potrebbe fermare un caccia che atterra su una portaerei.
Dunque, nessun problema: la tela lanciata dall’Uomo Ragno può fermare la caduta della ragazza. Ma la ragazza non può resistere alla rapidissima decelerazione, che le applica una forza pari a 440 kg ammesso che la sua velocità passi da 150 km/h a zero in mezzo secondo. La ragazza muore nell’istante stesso in cui l’Uomo Ragno la salva, perché è come se si schiantasse con un’auto contro un muro.

Il rifugio di Batman
In una delle sue avventure Batman deve vedersela con il criminale Danning. Questi pensa di poter liquidare il supereroe a condizione di poterne individuare il rifugio, e cioè la batcaverna. Per scoprirla, fa esplodere dei candelotti di dinamite e rileva la velocità di propagazione delle onde nel terreno. La mappa disegnata con le differenze di velocità lo porta dritto nella batcaverna. E’ davvero possibile?
Certo. Il metodo usato da Danning è lo stesso applicato dai geologi per trovare giacimenti di petrolio e dai geofisici per determinare la densità dei vari strati che formano la Terra (litosfera, mantello, nucleo liquido, nucleo solido e relative discontinuità che separano queste regioni), rilevando le onde dei terremoti.

Le corse di Flash
Il supereroe Flash fa onore al suo nome ed è in grado di correre ad altissima velocità. Tanto che può salire tranquillamente lungo la parete di qualsiasi palazzo. Credibile? Sì e no. Possiamo concedere che la sua velocità sia sufficiente a vincere la gravità fino a un’altezza di 200 metri (come si è visto per Superman). Ma come fa a aderire alla parete del palazzo? Tecnicamente non può. A meno – calcola Kakalios – che tra un passo e l’altro riesca a percorrere una distanza equivalente all’altezza del palazzo in un ottavo di secondo. Ciò richiederebbe una velocità di 1600 metri al secondo, pari a 5760 km orari. E questo in effetti è difficile da credere.
D’altra parte una tale prestazione sportiva richiederebbe di bruciare una quantità di energia spaventosa, tanto più che Flash continuamente accelera e frena. Kakalios calcola che per frenare in 5 metri da 800 chilometri orari il nostro eroe dovrebbe bruciare le calorie contenute in 150 milioni di cheeseburger.

La miniaturizzazione di Ant-Man
Questo supereroe votato alla lotta contro criminali e spie comuniste non è altro che il biochimico Henri Pym, rimpicciolito fino alle dimensioni di un insetto. Possibile? Anche qui non ci siamo. Tre sono i modi scientificamente concepibili per ottenere un rimpicciolimento. Il primo consiste nel ridurre il valore della costante di Planck che regola le dimensioni degli atomi. Un abbattimento di 10 volte porterebbe a ridurre le dimensioni dei corpi di 100 volte. E’ la soluzione escogitata da Asimov per giustificare la sceneggiatura del film «Viaggio allucinante». Ma se la costante di Planck si riducesse anche di poco l’universo crollerebbe.
Un altro modo per miniaturizzare è quello di ridurre il numero degli atomi di cui è fatto un organismo. Per portare a un 12° la statura di un uomo bisognerebbe conservarne solo un atomo su 1768. E’ chiaro che si perderebbe ogni funzionalità, a cominciare da quella del cervello. La terza soluzione consiste nel comprimere una persona rendendola più densa, e quindi avvicinando gli atomi tra loro. Ma ciò richiederebbe pressioni tali che il nostro supereroe si trasformerebbe in un grumo di tessuti sanguinolenti. Ecco perché il rimpicciolimento di un essere vivente nei laboratori è ancora un sogno.

Articolo di Piero Bianucci tratto da Lastampa.it

7 novembre 2007 Posted by | Curiosità, News | 1 commento

Iron Man: il trailer internazionale

La Paramount Pictures ha diffuso una nuova versione internazionale del teaser-trailer di “Iron Man”, l’adattamento cinematografico dell’eroe Marvel.
Il teaser, della durata di un minuto presenta alcune scene inedite tratte dalla pellicola, tra cui un’accesa discussione tra Tony Stark (Robert Downey Jr.) e Pepper Potts (Gwyneth Paltrow).
Diretto da Jon Favreau e interpretato, oltre i già citati, da Jeff Bridges, Terrence Howard, Leslie Bibb e Shaun Toub, il film “Iron Man” uscirà nelle sale il 2 maggio 2008.

7 novembre 2007 Posted by | Cinema, News, Trailer | Lascia un commento

Luciano Ligabue aderisce ad Impatto Zero

Luciano Ligabue ha scelto il progetto Impatto Zero per compensare le emissioni di anidride carbonica del suo nuovo tour italiano.
Le 14 date, suddivise in due uniche tappe (Roma e Milano), vedranno protagonista, insieme alla musica, anche il rispetto per l’ambiente. Tutto esaurito in prevendita (150.000 biglietti) per i concerti del rocker italiano, che questa volta porterà con sé un fortissimo messaggio di eco-sostenibilità con il nome di Impatto Zero®.
Impatto Zero è il primo progetto italiano, promosso da Lifegate, che concretizza gli intenti del Protocollo di Kyoto. Il progetto, riduce le emissioni di anidride carbonica e le compensa attraverso la creazione di nuove foreste. Tutto questo è possibile mediante la quantificazione dell’impatto ambientale di attività, aziende, prodotti e persone. Calcolando le emissioni di anidride carbonica e gas a effetto serra, queste ultime vengono compensate con la riforestazione e la tutela di aree boschive in Italia e nel mondo.
In questo caso, la resa ad Impatto Zero delle 14 date del tour di Ligabue, permetterà la creazione e la tutela di un importante polmone verde in Costa Rica. Il calcolo delle emissioni è stato fatto tenendo conto dell’impatto derivante dall’organizzazione e dalla gestione di tutti e 14 i concerti. Per compensare i 592.511 Kg di CO2 che verranno emessi dal tour, Luciano Ligabue farà piantare ben 152.906 mq di foresta!
Tutti coloro i quali interverranno ad ognuno dei 14 concerti, saranno perciò fruitori non solo di ottima musica, ma anche spettatori di un evento che non avrà alcun impatto nocivo sull’ambiente.

7 novembre 2007 Posted by | Concerti, Curiosità, Ligabue, News | Lascia un commento

Albachiara di Vasco diventa film

Sono cominciate le riprese di ”Albachiara”, un film ispirato alla omonima canzone di Vasco Rossi. Lo rivela ”Chi”, il settimanale diretto da Alfonso Signorini, in edicola da oggi. Protagonisti della pellicola sono l’ex marito di Stefania di Monaco Daniel Ducruet, Raz Degan e Davide Rossi, figlio della rockstar.
Il brano racconta di un ragazzo innamorato di una coetanea incontrata per caso ed è divenuto uno degli inni più struggenti e intimi del cantautore, ormai un mito per diverse generazioni.
La pellicola è prodotta dallo stesso Vasco che ne ha seguito gli sviluppi e anche vagliato la sceneggiatura. “Albachiara” apparve per la prima volta nel 1979 sull’album del rocker “Non siamo mica gli americani”. Visto il grande successo che il brano ha riscosso in classifica in quell’anno, l’album fu ripubblicato con il titolo “Albachiara”. Vasco dichiarò in alcune interviste che le parole della canzone gli vennero fantasticando su una ragazza che incontrava sull’autobus quando andava a scuola ogni mattina. Era la stessa ragazza che attraversava la strada sotto casa sua, mentre il giovane Vasco tentava di mettere assieme parole e musica aggrappato alla sua chitarra. Una ragazza semplice, dalla bellezza pulita a cui il cantautore di Zocca ha dedicato uno dei testi più struggenti e coraggiosi della sua carriera. Di contrasto con l’immagine quasi angelicata e romantica della protagonista, Vasco ebbe la tentazione riuscita di inserire nel testo un riferimento esplicito all’autoerotismo della ragazza ed alle passioni più nascoste e proibite. Fatto che suscitò molto scalpore in quegli anni ma che consacrò definitivamente il cantautore come una rockstar in piena regola. Elegante, semplice e schietta, “Albachiara” è uno di quei pezzi scritti in pochi minuti, che rispondono ad una regola essenziale che la “gente” di Vasco conosce bene: toccare nel profondo i sentimenti delle persone semplici, agitarne lo spirito con una carezza e poi subito dopo con uno schiaffo. Forse è anche per questo che le canzoni del rocker emiliano durano nel tempo, ed i suoi concerti sono affollatissimi raduni quasi mistici, che raggiungono l’apice con “Albachiara” ma che contengono anche sempre nuove suggestioni.

7 novembre 2007 Posted by | Cinema, News, Vasco Rossi | 5 commenti

Britney Spears deve pagare 120mila dollari

Conto salato per Britney Spears. La cantante deve pagare 120mila dollari per le spese legali sostenute dall’ex marito Kevin Federline durante la battaglia legale per la custodia dei loro figli: Preston, 2 anni, e Jayden James, 1. L’avvocato di Federline ne aveva chiesti 160mila. Una corte di Los Angeles ha deciso di obbligare la Spears a pagare in base al principio della legge californiana per cui entrambe le parti coinvolte devono la stessa rappresentanza legale, anche se questo costringe una a pagare per l’altra. Federline nel 2006 ha guadagnato poco più di 7000 dollari, l’ex moglie ne incassa 737mila al mese e secondo il giudice sarebbe stata soprattutto la sua condotta a portare la coppia in tribunale.

7 novembre 2007 Posted by | Britney Spears, News | Lascia un commento