Notizie per passione

Giornalisti o edicolanti?

“Planet Earth” la svolta ecologista del folletto Prince

Svolta ambientalista per Prince, il folletto di Minneapolis che non finisce mai di stupire: il suo nuovo album “Planet Earth”, più rock dei precedenti senza rinunciare però anche al funk e al soul, non solo sarà distribuito gratis, solo in Inghilterra, insieme al domenicale britannico “Mail on Sunday”, in barba alle strategie dell’industria discografica. Ma per sapere i titoli dei dieci brani i fan dovranno andare su Internet.
“Planet Earth” (che sarà pubblicato il 20 luglio in tutto il mondo per la Sony Bmg), esce infatti senza titoli e privo del tradizionale libretto al suo interno. Prince ha voluto che i testi delle canzoni – realizzati con la collaborazione delle fedeli Wendy & Lisa – si trovino esclusivamente sul suo sito ufficiale http://www.3121.com (anche se navigando in rete se ne trova già più d’uno). L’eroe di “Purple Rain”, da qualche anno convertito ai Testimoni di Geova, sembra essersi ormai definitivamente avviato verso una dimensione tra il mistico e l’ambientalista. Il nuovo lavoro, che arriva tre anni dopo “Musicology”, è prodotto, arrangiato, composto, suonato e cantato insieme all’amata New Power Generation. Prince ha voluto una copertina cangiante, rosso-arancio brillante, in cui un ologramma tridimensionale del suo famoso simbolo si trasforma in un’immagine dell’artista mentre osserva pensoso il mondo dall’alto. La Terra è la protagonista del brano apri-pista: Prince immagina di tenere il Pianeta nel palmo della mano, chiedendosi quale sarà il suo destino fra 50 anni e se ci siamo occupati abbastanza di temi come l’acqua e l’aria.
Pacifista della prima ora, anche in “Planet Earth” ribadisce l’urgenza di pregare per la pace, e sentenzia: «Ci sono due tipi di persone: quelli che danno e quelli che prendono».
Roger Nelson, questo il suo vero nome, alterna il suo lato mistico (“Revelation, Lion Of Judah”) a pezzi come Guitar, gioioso inno allo strumento che lo accompagna da almeno tre decenni: «Ti amo bambina, ma non come amo la mia chitarra», canta Prince. Che aggiunge «ti avevo avvertito di quanto sia difficile essere una star, specialmente quando guidi la macchina di altri»: forse un riferimento alla dittatura delle case discografiche contro le quali si è sempre battuto.
Non mancano le sue tipiche ballate d’amore in falsetto, come “Somewhere Here on Earth” e “Future Baby Mama”, ma poi si riparte con il rock allegro di “The One U Wanna C”, in cui torna ad essere il bad boy presuntuosetto dei tempi d’oro.

Annunci

18 luglio 2007 - Posted by | Curiosità, Musica, News

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: