Notizie per passione

Giornalisti o edicolanti?

Museo virtuale sulla necropoli Giza

Un’esposizione virtuale sulla necropoli di Giza, una risorsa in continua evoluzione per gli studi degli egittologi nonché l’unico modo per salvare dall’usura del tempo un patrimonio artistico dell’umanità dal valore inestimabile. Questo è il Giza Archives Project (Gap, www.gizapyramids.org), nato grazie alla collaborazione tra il Boston Museum of Fine Arts e la Andrew W. Mellon Foundation. Circa 22 mila foto, 3.100 pagine di diari di esplorazioni, 2.400 oggetti registrati, 10.000 mappe, 200 tra libri e articoli. «Il principale obiettivo del Gap è dare la possibilità di collegare tra loro la miriade di materiali disponibili sui siti dell’area intorno alle piramidi, in modo da preservarli, garantirne la diffusione e facilitare il lavoro degli studiosi», ha raccontato Peter Manuelian, lettore di Egittologia alla Tufts University del Massachusetts, ideatore e direttore del Gap. Tre i punti di forza del sito Internet, secondo l’ideatore: la possibilità di zoomare o di simulare una vista a 360 gradi da 1.000 diverse posizioni a terra.

Advertisements

30 giugno 2007 - Posted by | Informazione, Internet, News

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: